coaching, Comunicazione, Senza categoria

Immagine VS Identità

Quando si pensa alla Comunicazione Non Verbale si pensa subito a serie televisive, bugiardi smascherati, colpevoli fregati da una smorfia in più, tendiamo ad amare i dettagli nella televisione mentre non ci accorgiamo che la comunicazione non verbale fa parte di ogni singolo momento del nostro quotidiano. Influenza le nostre relazioni, il nostro umore i nostri pensieri.

Photo by Pixabay on Pexels.com

La nostra fisiologia è un tutt’uno con il nostro subconscio, il dialogo è bidirezionale ossia il nostro subconscio comunica attraverso la fisiologia ma “udite udite” possiamo comunicare con lui anche in senso inverso.

Il nostro corpo è la magica chiave per stimolare e guidare la nostra mente, avete mai notato che le persone tristi tendono ad usare posizioni ricurve, ad essere apatiche e pigre e a curare poco la propria immagine? Quando una persona è triste spesso non ha voglia né di fare sport, né di andare dal parrucchiere o di curare il proprio abbigliamento, salvo rare eccezioni.

Cosa accadrebbe se invece queste persone iniziassero a praticare assiduamente sport e a curare di più se stesse? Si sentirebbero meglio, si vedrebbero più belle, il corpo sarebbe più reattivo, il dialogo interno inizierebbe a cambiare, il loro focus molto probabilmente si sposterebbe dai problemi alle soluzioni e la tristezza piano piano se ne andrebbe.

Photo by Tirachard Kumtanom on Pexels.com

Quando mi domandano perchè ho scelto di affiancare al mio lavoro di Consulente d’Immagine a quello di Life Coach ricordo che il percorso di Coaching ha anche a che fare con con la l’Identità delle persone e che l’identità percepita a volte non risulta congruente con ciò che mostra lo specchio, non perchè lo dico io ma perchè lo affermano i clienti durante sessioni dicendomi che vorrebbero anche “vedersi diversi”.

Photo by Johannes Plenio on Pexels.com

Per alcune persone questi cambiamenti avvengono in maniera naturale, altre persone invece hanno bisogno di aiuto ed ecco che la consulenza d’immagine può servire ad accelerare questa unione tra interno ed esterno, tra l’identità percepita e quella che si manifesta. A volte basta poco, solo individuare i punti di forza della fisicità o i colori più adatti per far si che il/la cliente inizi ad acquistare più sicurezza in se stesso/a, e anche se si lavora in superficie in realtà è un lavoro molto più profondo di quanto si creda.

Quanti di noi quando immaginando la versione migliore di se stessi si vedono in tuta e quanti invece con un bell’abito? Pensiamo davvero che ciò che indossiamo non influisca sul nostro umore e sulle nostre giornate? Pensiamo davvero che l’outfit sul posto di lavoro non abbia nulla a che fare con il nostro successo ed i nostri risultati?

Photo by Adrienne Andersen on Pexels.com

Ancor prima di aprire bocca le persone si sono già fatte un’idea di noi attraverso la nostra immagine, questo processo giudicante purtroppo entra in azione in maniera del tutto inconscia e per fare in modo che l’idea che ci siamo creati di una persona cambi impieghiamo molto tempo.

La comunicazione non verbale è molto importante anche per il fatturato di un’ attività e poichè essa è fatta da persone forse dovremmo iniziare a domandarci in che modo stiamo migliorando il modo di comunicare con i clienti anche attraverso la nostra immagine.

Photo by Natasha Fernandez on Pexels.com

3 pensieri su “Immagine VS Identità”

  1. Articolo molto interessante! Immagine e identità sono difficili da costruire, l’identità penso sia una cosa “privata” che abbiamo dalla nascita mentre l’immagine di sè si può costruire mentre l’immagine di come siamo rispetto agli altri deve ahimè superare molti ostacoli!

    "Mi piace"

    1. Ciao, sono contenta che tu abbia trovato interessante il mio articolo. L’ immagine più che costruzione segue la via negativa, paradossalmente del togliere invece di aggiungere, fa già parte di noi, è per questo che a volte nel lavoro di consulenza vengono in aiuto gli archetipi e riferimenti ai vari stili, questi mi servono ad individuare al volo alcune sfumature caratteriali delle persone che incontro. A volte basta un fiocco oppure una borchia per capire se si ha davanti un’animo rock oppure romantico. Ovviamente alcuni indizi aiutano poi il resto della consulenza insieme all’esperienza di coach fanno il resto. Per quanto riguarda gli ostacoli bisogna sempre fare i conti con i risultati che vogliamo ottenere e quindi ciò che vogliamo comunicare in un determinato contesto. Se sono in un contesto formale e mi vesto in maniera informale molto probabilmente non riuscirei a creare rapport con le altre persone lo stesso vale in maniera inversa. Tuttavia se ad esempio sono un creativo in contesto molto formale potrei utilizzare accessori particolari per mantenere un aspetto formale e allo stesso tempo con una nota di creatività.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...