Com unicazione, Comunicazione e moda, consulenza d'immagine, immagine e comunicazione, Immagine e comunicazione

Personalità graffianti

Se dico punte e ballerine immagino che penserete alla danza, in realtà oggi parleremo di unghie arma a doppio taglio, seducente se curata può rivelarsi la vostra peggior nemica se invece è poco curata. Le unghie sono croce e delizia delle donne e anche degli uomini per non parlare dei quelli o quelle che le mangiano fino a trasformare le proprie dita in veri campi di battaglia.

Le unghie pertanto non possono fare a meno che comunicare il nostro stato d’animo, la cura di noi stessi, il nostro stile di vita, il tipo di lavoro che svolgiamo.

Difficilmente vedrete donne di classe con unghie a punta e smalto nero, o meglio, sarà difficile associare questi due concetti di stile stridenti tra loro, le unghie ricoprono quindi un ruolo importantissimo nel mondo della comunicazione e della moda, un ruolo fatto di dettagli, un microcosmo al microscopio sul quale vengono in continuazione puntati i riflettori.

Ogni forma ha un suo perchè e diciamo che ogni forma può essere interpretata perchè racconta qualcosa della persona.

Photo by Alex Smith on Pexels.com

Cosa Comunicano le forme delle unghie:

Partiamo con le unghie senza smalto e mangiucchiate, quelle sono le peggiori, comunicano rabbia repressa, stress e poca cura del proprio corpo. Ricordate sia donne che uomini, le mani sono un bellissimo biglietto da visita per entrambi i sessi, piuttosto che rosicchiarle mettetevi in tasca una carota e rosicchiate quella nel momento del bisogno.

Photo by Kat Jayne on Pexels.com

Unghie squadrate, denotano una personalità grintosa ed attenta ai dettagli, il lato aggressivo è tenuto sotto controllo.

Photo by cottonbro on Pexels.com

Forma a mandorla, affidabilità creatività e gentilezza, la punta stondata richiama tranquillità.

Photo by Valeria Boltneva on Pexels.com

Forma a punta se avete una collega con unghie a punta state attente perché potrebbe soffiarvi il posto! A parte scherzi, le unghie a punta sono le considerate le più aggressive, spesso portate da achievers incallite o persone molto coraggiose e passionali.

Photo by cottonbro on Pexels.com

Unghie a ballerina, tipica della donna o ragazza modaiola e irriverente con una bella dose di grinta. Va saputa indossare poichè l’unghia a ballerina richiede una lunghezza medio lunga per potersi definire tale, è la forma preferita delle donne americane.

Photo by Jorge Fakhouri Filho on Pexels.com

Il colore dello smalto ovviamente fa la sua parte in tutto questo, il colore comunica la personalità della donna che lo porta, intelligenza ed eleganza per donne che sfoggiano il rosso ma anche sensibilità e orgoglio quindi, attenti a non pestarle i piedi.

Photo by Deena on Pexels.com

E se il rosso si fa più scuro ed intenso e diventa un bordeaux allora è possibile trovarsi di fronte ad una personalità calda e passionale, a tratti introversa e anche affidabile.

Nessun colore? Meglio tanta cura ma semplicità che unghie laccate e trasandate. Sono donne che vogliono comunicare la propria semplicità e naturalezza attraverso la scelta del non applicare lo smalto, consapevolmente o no inviano un messaggio di affidabilità e sincerità.

Photo by cottonbro on Pexels.com

Il blu è sicuramente il colore delle persone creative, mentre il rosa amatissimo dalle donne romantiche insieme al bianco.

Photo by AHam Pa on Pexels.com

Lo smalto nero spesso è messo come barriera difensiva per le persone introverse ma lo troviamo anche indossato da persone ribelli o da persone molto sicure di se, spesso da artisti, come il blu.

Photo by Mental Health America (MHA) on Pexels.com

Smalto fluo, un pizzico infantile, indossato da personalità eccentriche ed originali, una chiara comunicazione di ricerca di attenzione.

Photo by Artem Beliaikin on Pexels.com
Comunicazione, immagine e comunicazione

A me le mani Lesson One

Durante le mie sessioni di Life Coaching la mia attenzione è rivolta spesso alla comunicazione non verbale, per una Coach l’ascolto è tutto e quello che è più importante è capire cosa non viene detto con le parole, questo mi permette di capire se stiamo andando nella direzione giusta o se la persona si sta chiudendo o è in difficoltà.

Certo la lettura della Comunicazione Non Verbale richiede un pochino più di concentrazione ma sono convinta che se state cercando risposte riguardo ai comportamenti delle persone, se state cercando l’altra metà della mela oppure non vi è chiaro se quella persona che conoscete da tempo sta flirtando con voi questo articolo sarà sicuramente di vostro gradimento

Molte persone si interessano alla C N V principalmente per motivi di lavoro altri anche per capire se la persona che hanno di fronte è interessata e disponibile nei loro confronti, il movimento delle mani è anche una danza di seduzione, a seconda di dove le posizioniamo e di come le muoviamo possiamo lanciare segnali a chi ci sta osservando e capire quelli che ci sta inviando la persona che abbiamo di fronte. Vediamo alcuni esempi.

Photo by fauxels on Pexels.com

Mani in tasca, è vero che si sta più comodi ma durante una conversazione sono sconsigliate vediamo perchè.

La mano in tasca in genere denota il voler nascondere qualcosa, pensieri, emozioni o fatti.

A meno che fuori la temperatura non sia scesa di parecchi gradi e non ci sia la necessità di scaldare le mani vi raccomando di non infilare le vostre mani nelle tasche e di osservate bene la persona che avete davanti perché se ha le mani in tasca forse sta nascondendo qualcosa. Osservate attentamente se le infila in tasca quando iniziate a parlare di un argomento preciso perchè la chiave di lettura di quella posizione delle mani forse la troverete nell’argomento di cui state parlando, sta a voi capirne di più.

Photo by Anders Kristensen on Pexels.com

Mani in tasca con pollice fuori, indicano forse qualcosa quei pollici? Le dita indicano il sesso è questa posizione delle mani è un richiamo sessuale, tranquilli la comunicazione non verbale e’ guidata dal nostro subconscio quindi il vostro interlocutore non ha colpa. Ha lo stesso significato anche se inserisce i pollici e lacia fuori le altre dita.

Photo by Milad Heran on Pexels.com

Mani infilate nelle tasche dietro, in questa posizione si cerca di tenere un profilo basso o di nascondere la rabbia ma se nel farlo mette anche in mostra il petto forse vuole solo farsi notare.

Photo by TOPHEE MARQUEZ on Pexels.com

L’atto di togliere con il dito qualcosa a lato dell’occhio è una lacrimazione trattenuta, può significare che l’argomento fa stare male il vostro interlocutore

Photo by Gabriela Guerino on Pexels.com

I segnali di stop, quando una persona porta avanti una mano aperta come per fermarvi vi sta comunicando che non vuole proseguire con l’argomento, è un chiaro avvertimento di non continuare su quella strada.

Photo by Rafael Inui on Pexels.com

Il gesto di accarezzare gli oggetti con un dito ad esempio il bordo di un bicchiere è segno di quello che state pensando, gli oggetti con forma circolare sono un chiaro riferimento sessuale .

Photo by cottonbro on Pexels.com

Mani intrecciate con dita tese, creano una barriera difensiva, è probabile che la persona abbia già tratto le sue conclusioni e si sia barricata dietro alle sue certezze, denota anche aggressività nei confronti di chi sia ha di fronte.

Photo by cottonbro on Pexels.com
Comunicazione, consulenza d'immagine, immagine e comunicazione

Outfit e Comunicazione

La maggior parte delle persone formula giudizi sugli altri in base alla prima impressione e più precisamente in base alle espressioni non verbali.

Nei primi dieci secondi l’interlocutore sarà colpito dall’abbigliamento della persona, dalla morfologia corporea, dalla sua pettinatura, dall’ odore, quindi terrà d’occhio postura, portamento e gestualità, mimica facciale, sguardo e contatto visivo.

L’impressione ricavata, orienterà la successiva comunicazione influenzando la risposta dell’interlocutore.

Questa informazione andrà tenuta bene a mente sempre e soprattutto prima di un colloquio di lavoro. Outfit, trucco, accessori, postura e mimica giocano un ruolo importante per la nostra assunzione.

Questo tipo di giudizio che passa traverso la CNV spesso rimane celato alla nostra parte conscia che crede di applicare un giudizio in base alla razio. In realtà nella comunicazione non verbale ciò che decide e viene stimolato maggiormente è il nostro subconscio.

Se pensate a quando andate a fare la spesa spesso siete attirati dalla forma di una scatola, dai colori, dall’altezza del ripiano su cui viene collocato il prodotto e guarda a caso quello all’altezza dei vostri occhi e non dal prodotto scontato che vi farebbe risparmiare. La stessa cosa vale per la comunicazione non verbale.

Spesso le nostre decisioni vengono prese dopo una prima impressione, quel decidere “di pancia” che capita non è altro che una valutazione inconscia legata alla comunicazione non verbale.