Senza categoria

Valori ed emozioni nello storytelling

Siamo alle soglie di una nuova epoca storica in cui alla parola scritta succederà l’immagine.” E.Gombrich “

Le nostre esperienze soggettive indicano che il gradimento di ciò che osserviamo dipende dal modo in cui processiamo le informazioni, dalle preferenze sensoriali, dal nostro vissuto, da fattori culturali, ambientali sociali.

Se dobbiamo vendere un prodotto oppure fare propaganda politica o semplicemente diffondere un’informazione vi sono alcune cose da tenere presente in relazione al nostro fine ultimo, il fine ultimo di una pubblicità non è quello di piacere bensì quello di rimanere impressa e di generare emozioni ecco perche’ si ricorre allo Storytelling.

Photo by Helena Lopes on Pexels.com

Pensate alle pubblicità della Barilla o del Mulino Bianco, raccontano di famiglie unite, tavoli apparecchiati e sorrisi, profumi conosciuti che richiamano ricordi legati alla nostra cultura, sapori che emozionano, insomma dove c’è Barilla c’è casa giusto? Questo tipo di pubblicità non mostra solo un prodotto ma racconta una storia, lo storytelling non è solo verbale, il messaggio predominante è visivo, pertanto il messaggio principale viene veicolato attraverso immagini che hanno un unico vero obiettivo cioè quello di narrare ed emozionare chi le osserva.

Photo by Martin Pu00e9chy on Pexels.com

Nulla di meglio per comunicare un brand, attraverso la comprensione di ciò’ che accade dentro di noi quando osserviamo questo tipo di pubblicità possiamo capire in che modo lo storytelling apra la porta del nostro cuore, noi non abbiamo sempre necessità di capire razionalmente, a volte abbiamo solo bisogno di sentire emotivamente . I racconti convincono perché ci coinvolgono.

I racconti descrivono i valori del brand e ci permettono di condividere questi valori, quasi inconsciamente. I racconti inoltre ci permettono di tornare bambini, in quella dimensione in cui mentre ci raccontavano una favola costruivamo mille immagini e vivevamo colorate emozioni.

Photo by Victoria Borodinova on Pexels.com

Dove non arrivano le parole, arriva l’immagine.

Senza categoria

Less is more

Hai presente quella sensazione di quando hai l’armadio pieno zeppo di vestiti ma non sai cosa indossare? Questo capita quando si hanno le idee poco chiare sulla nostra fisicità, sulle occasioni d’uso e sui colori. In genere le persone non hanno ben chiaro il modo in cui si accostano i colori e quello che dovrebbero indossare per valorizzare la propria immagine, pertanto, un armadio pieno di “cose a caso” non serve a nulla.

Ecco perchè quando si fa un cambio di stagione sarebbe utile farlo insieme ad una consulente d’immagine, perchè meglio ridurre la quantità di capi che non ci appartengono oppure aggiungerne altri o acquistare accessori che possano reinventare capi che già possediamo, liberando spazio, organizzandolo e tenendo solo ciò che ci valorizza veramente.

Photo by Artem Beliaikin on Pexels.com

Non sto parlando di moda di stagione e del capo che spopola ma di capire attraverso la consulenza d’immagine quello che possiamo eliminare e quello che dovremmo integrare nel nostro nuovo e bellissimo guardaroba.

Photo by rovenimages.com on Pexels.com

Ecco perchè dobbiamo fare scelte consapevoli e non farci trarre in inganno dalle pubblicità. Una consulenza d’immagine può aiutarci anche per capire che tipo di abbigliamento acquistare per un determinato evento, i colori da accostare, le forme, i tagli, i tessuti e gli accessori più indicati.


Consulenza D'immagine
Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

Viene dunque da pensare che lo shopping diventi più difficile, in realtà è l’esatto contrario, dopo la consulenza d’immagine entrerai in un negozio di abbigliamento con le idee molto chiare su ciò che vuoi e risparmiando tempo e soldi, inoltre facendo shopping ti accorgerai della magia degli accostamenti, ti sentirai più sicura e ancora più bella.

Comunicazione, consulenza d'immagine, moda, moda e comunicazione

Viaggi nell’Iperspazio

Chi si ricorda la moda e il design di fine anni ’60? Io non ero ancora nata ma, riguardando film, fotografie e riviste di quegli anni non posso fare a meno di notare quanto tutto era influenzato dal mito dello spazio, linee pulite, materiali lucidi, bright dresses dalla forma a trapezio, stivaletti bianchi e trasparenti che sembrano appena usciti da una navicella spaziale e degni di ispirazione della famosa saga di Star Wars che di li a poco sarebbe uscita nei cinema di tutto il mondo.

In questo periodo il noto designer Andrè Courreges inserisce nella moda un nuovo elemento emblema dello stile moderno, parlo del vinile, l’irriverente materiale che ancora oggi ci proietta sfacciatamente nel futuro, infatti il vinile venne utilizzato per creare lo space age look di quegli anni.

https://www.google.com/url?sa=i&url=https%3A%2F%2Fwww.pinterest.com%2Fpin%2F455989531012562226%2F&psig=AOvVaw2EgSrb03zjZaZAMUqBTTj0&ust=1603816790699000&source=images&cd=vfe&ved=0CAIQjRxqFwoTCKD1lqfZ0uwCFQAAAAAdAAAAABAD

Diciamocelo chiaramente, il vinile cattura subito l’attenzione ma è tutto fuorché elegante, certo dipende dall’utilizzo che se ne fa e da come vengono abbinati i capi ma noi sappiamo bene che tutto ciò che è appariscente ha poco a che fare con l’eleganza e che potrebbe catturare l’attenzione delle persone con cui ci relazioniamo togliendo attenzione a quello che stiamo esprimendo.

Superfluo dire anche che questo tipo di tessuto/materiale specialmente il nero e il rosso lucido se attillato richiami l’immaginario del mondo sadomaso o ricordi la graffiante Cat Woman, pertanto ogni abbinamento con indumenti in vinile dovrà tendere a smorzare il più possibile la sua aria esuberante.

Cosa comunica questo tipo di materiale: molto dipende dal colore utilizzato e dall’abbinamento degli indumenti, in linea di massima comunica distacco, freddezza e modernità. Capi attillati specialmente se nei colori del nero e del rosso anche aggressività ed erotismo.

https://www.mytheresa.com/it-it/norma-kamali-strapless-midi-dress-1517756.html?gclid=Cj0KCQjw59n8BRD2ARIsAAmgPmJbaM_w41TR1BQ7M1kN-Q7cbMpVrVR274DWiLYovxA03M5ptsDshHAaAoj3EALw_wcB&utm_source=sea_pla&utm_medium=google&utm_campaign=google_sea&ef_id=Cj0KCQjw59n8BRD2ARIsAAmgPmJbaM_w41TR1BQ7M1kN-Q7cbMpVrVR274DWiLYovxA03M5ptsDshHAaAoj3EALw_wcB:G:s